In Francia è guerra tra Macron e il ministro della salute

Il motivo della guerra intestina tra il Presidente della Repubblica Francese e il ministro della salute Agnès Buzyn è il vino. Per l’ematologa, infatti, il vino “è come tutti gli alcolici e fa male alla salute”, ma il presidente si oppone “io lo bevo a pranzo e a cena”

In Francia il vino è come la baguette e come la Tour Eiffel. E, infatti, i francesi non sono mai riusciti a fidarsi completamente – afferma Stefano Montefiori, corrispondente da Parigi per Repubblica – del loro ex-presidente Sarkozy, astemio.

Stavolta, il motivo del contendere in un paese in cui il vino è parte dell’immaginario collettivo, è stato una dichiarazione della ministra della salute.

Agnès Buzyn, questo il nome della ministra, 55 anni, ha infatti dichiarato a France 2 che “Il vino è come tutte le altre bevande alcoliche. L’industria del vino ha voluto farci credere finora che il vino sia diverso dagli altri alcolici. Bé, è falso”.

Questa dichiarazione ha fatto esplodere un conflitto in un paese che vive di vino.

La Francia, infatti, è un paese in cui vino e alcolici sono al secondo posto nella classifica delle maggiori esportazioni, dietro l’industria aeronautica. La Francia è il paese in cui nell’85% dei casi si stappa una bottiglia. E dove Champagne, Bordeaux e Bourgogne sono sinonimi di nettare di qualità.

I produttori, infuriati, si sono rivolti a Macron mentre le Figaro veniva sommerso da lettere di professionisti e medici che davano ragione alla ministra, affermando che l’alcool uccide cinquantamila persone all’anno. E che il 60% dei consumi di alcool è costituito da vino.

Macron li difende andando contro la ministra: “Bevo vino due volte al giorno” e tirando fuori una vecchia citazione di Georges Pompidou: “Non rompete le scatole ai francesi”.

Ma come aggiunge il corrispondente da Parigi, la guerra civile del vino, in Francia, sembra ancora solo all’inizio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *